• LE TOP DI GAMMA
  • LE HIT + FORTI
  • dalle 05:00 alle 07:00
  • NEWS
  • 18/02/2021

DPCM, IL NUOVO GIOCO A TEMA COVID CON DECRETI

Ecco cosíŤ

Con i DPCM, c’è chi ci gioca. Un 47enne romano, Fabrizio Iozzo, che nella vita ha una società di servizi informatici, ha inventato un gioco da tavola simile al Monopoli: imprevisti, autocertificazioni, bonus vacanze. Il gioco non poteva che chiamarsi “DPCM”. Nato durante la pandemia, vuole essere una parodia dei vari decreti emanati in questi mesi. “È un gioco che ho fatto per me e che non ho alcuna intenzione di vendere. Non è mia intenzione metterlo in commercio”, ha spiegato l’ideatore, deludendo chi era già pronto ad acquistarlo.

“Quando ho iniziato a leggere i vari decreti a ridosso del Natale con due persone non conviventi che potevano andare a trovare un amico, nipoti dai nonni, ma non più di tre, incontri tra parenti, ma solo dello stesso comune e tutto il resto, mi è sembrato di leggere il libretto di istruzioni di un gioco da tavola e da lì è nato tutto“, ha raccontato l’ideatore a Roma Today. Dalle dirette di Conte fino alla variante inglese, il gioco da tavola cita tutte le fasi di quest’ultimi mesi. Il via è lo “schiaffo” di Papa Francesco alla fedele, ovvero il primo momento che ci ricordiamo del 2020. Vengono citati anche il “Dov’è Bugo” di Sanremo, il “Ce la Faremo”, la passeggiata con il cane, e così via. Ci sono anche otto carte bonus come il bonus monopattino e quello ristoro. 

Con i DPCM, c’è chi ci gioca. Un 47enne romano, Fabrizio Iozzo, che nella vita ha una società di servizi informatici, ha inventato un gioco da tavola simile al Monopoli: imprevisti, autocertificazioni, bonus vacanze. Il gioco non poteva che chiamarsi “DPCM”. Nato durante la pandemia, vuole essere una parodia dei vari decreti emanati in questi mesi. “È un gioco che ho fatto per me e che non ho alcuna intenzione di vendere. Non è mia intenzione metterlo in commercio”, ha spiegato l’ideatore, deludendo chi era già pronto ad acquistarlo.

“Quando ho iniziato a leggere i vari decreti a ridosso del Natale con due persone non conviventi che potevano andare a trovare un amico, nipoti dai nonni, ma non più di tre, incontri tra parenti, ma solo dello stesso comune e tutto il resto, mi è sembrato di leggere il libretto di istruzioni di un gioco da tavola e da lì è nato tutto“, ha raccontato l’ideatore a Roma Today. Dalle dirette di Conte fino alla variante inglese, il gioco da tavola cita tutte le fasi di quest’ultimi mesi. Il via è lo “schiaffo” di Papa Francesco alla fedele, ovvero il primo momento che ci ricordiamo del 2020. Vengono citati anche il “Dov’è Bugo” di Sanremo, il “Ce la Faremo”, la passeggiata con il cane, e così via. Ci sono anche otto carte bonus come il bonus monopattino e quello ristoro.

 

Tuttavia, il gioco non vuole sminuire la serietà del momento storico. “Non è un gioco No Vax, non è un gioco che ironizza sull’emergenza del Covid non parlo di contagi, di morti, di terapia intensiva, di eventi drammatici in alcun modo, ma di tutto quello che è accaduto a contorno della pandemia, delle cose grottesche successe a margine”, è la precisazione. Non è la prima volta che la pandemia diventa l’occasione per “giocare”. A inizio gennaio si era parlato del “Gioco del Covid”, una versione speciale del Gioco dell’Oca con amuchina, mascherina e decreti.

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

Fonte: IlFattoQuotidiano



  • GIOCO SUPER MARIO ALL'ASTA A 114 MILA DOLLARI
  • 14/07/2020

GIOCO SUPER MARIO ALL'ASTA A 114 MILA DOLLARI

leggi
  • DPCM, IL NUOVO GIOCO A TEMA COVID CON DECRETI
  • 18/02/2021

DPCM, IL NUOVO GIOCO A TEMA COVID CON DECRETI

leggi

DISCO SETTIMANA   

RAGGI GAMMA    

SCARICA LA NUOVA APP   

PODCAST   

SMART SPEAKER   

RADIO GAMMA » SU SPOTIFY   

Social